sabato,Giugno 22 2024

Comune di Vibo, Luciano: «Sindaco senza maggioranza consiliare e senza credibilità»

Il capogruppo di Azione sottolinea la pessima figura della Limardo in occasione delle elezioni provinciali e da ultimo anche per l’elezione a presidente del Sistema Bibliotecario dove ha dovuto fare un passo indietro in quanto non gradita dagli aventi diritto al voto

Comune di Vibo, Luciano: «Sindaco senza maggioranza consiliare e senza credibilità»
Il Comune di Vibo e, nei riquadri, Maria Limardo e Stefano Luciano
Maria Limardo

È evidente che il sindaco della città di Vibo sia arrivata al capolinea. Gli elementi che portano ad una siffatta conclusione sono certi ed inequivocabili: in primo luogo, non ha più una maggioranza consiliare, tanto da avere incassato sul Comune capoluogo una pessima figura in occasione delle elezioni provinciali. Ma non solo: nel corso dell’ultimo consiglio comunale a prevalere in termini numerici è stata l’opposizione, sempre più compatta ed attiva. Del resto sono oramai numerosi i consiglieri eletti nelle fila della maggioranza che hanno però lasciato tale compagine per stabilizzare la loro presenza fra i banchi dell’opposizione”. E’ quanto dichiara in una nota il consigliere comunale di Azione, Stefano Luciano. [Continua in basso]

A ciò si aggiunga che la credibilità del sindaco sotto il profilo politico non è stata sufficiente per la sua elezione a presidente del Sistema Bibliotecario. Ed infatti, per come correttamente riportato dalla stampa, ha ritenuto di fare un passo indietro dopo avere avanzato la propria candidatura, solo dopo essersi resa conto che il consenso generale degli aventi diritto al voto, si sarebbe indirizzato verso il sindaco di Ionadi, poi eletto alla citata carica. La perdita di consenso del sindaco Limardo trova la sua motivazione nel modo in cui la stessa ha esercitato il proprio ruolo, concentrandosi solo su elementi superficiali quali la comunicazione esasperata e fuorviante trascurando ciò che davvero conta e cioè gli interessi dei cittadini. Prova ne è che nel corso dell’ultimo consiglio comunale ha preferito rinunciare alla rottamazione delle cartelle esattoriali che avrebbero alleggerito dai tributi i cittadini per consentire le solite manovre contabili finalizzate a tenere in piedi solo sulla carta la tenuta dei conti. Ma per mere esigenze di facciata, non si possono pregiudicare i reali interessi dei cittadini. Mi auguro che presto possa concretizzarsi un progetto di governo della città alternativo a questo sindaco”.

LEGGI ANCHE: Signoretta nuovo presidente del Sbv, Lo Bianco: «Simbolo di speranza per il futuro»

Il Corsivo | Comune Vibo e fondi vincolati, la maggioranza si smentisce e non asseconda i vuoti di memoria del sindaco

Conti al Comune di Vibo, Luciano replica alla maggioranza: «Si mistifica palesemente la verità»

Vibo, Luciano sull’azzeramento dei fondi vincolati: «Da Limardo informazioni poco corrette»

Articoli correlati

top