venerdì,Giugno 14 2024

Guardia medica a Nicotera, il sindaco denuncia Asp e Regione: «Andrò fino in fondo»

La querela presentata oggi in Procura. «La carenza di medici non può essere una giustificazione», tuona Marasco che annuncia battaglia anche per riottenere il servizio h24 e una postazione fissa del 118

Guardia medica a Nicotera, il sindaco denuncia Asp e Regione: «Andrò fino in fondo»
Il sindaco di Nicotera, Giuseppe Marasco, e la postazione di Guardia medica

«Stavolta non mi fermo, andrò fino in fondo». È deciso il sindaco di Nicotera, Giuseppe Marasco: sui disservizi della Guardia medica nella cittadina costiera non si può più passare sopra. Dall’Asp di Vibo Valentia solo «soluzioni tampone» e così si è passati alle maniere forti: la querela nei confronti dell’Azienda sanitaria provinciale e della Regione Calabria annunciata nei giorni scorsi, oggi viene presentata in Procura. Interruzione di pubblico servizio il reato per cui si chiede di procedere.
Sporgere denuncia è un’ipotesi che il primo cittadino nicoterese aveva già ventilato a fine gennaio, dopo che – ed era già successo nei mesi precedenti – la Guardia medica era rimasta chiusa per quasi 36 ore a causa della carenza di personale. «Poi la situazione era sembrata rientrare – spiega -, altri medici avevano dato disponibilità a ricoprire turni e inoltre avevo ricevuto rassicurazioni da parte dell’Asp». Ma a Pasquetta ecco che le porte della postazione sono rimaste nuovamente chiuse. «Dalle 8 del 10 aprile alle 8 di giorno 11, per ben 24 ore, il servizio è rimasto scoperto». Da qui la ferma decisione di presentare la querela in Procura. [Continua in basso]

«Mancano medici? Li trovino»

La struttura sanitaria di Nicotera
L’ospedale di Nicotera, sede anche della Guardia medica

«La carenza di medici non può essere una giustificazione valida a privare di un presidio sanitario fondamentale un territorio che conta un bacino d’utenza di diecimila persone», tuona Marasco. Alla Guardia medica di Nicotera fanno infatti riferimento anche i cittadini di Limbadi, dal momento in cui nel 2010 le postazioni dei due comuni furono accorpate per creare un servizio h24. Nell’estate 2021 però il taglio a causa della mancanza di personale: da allora Nicotera e Limbadi sono rimaste assieme ma con Guardia medica h12. «È insopportabile che ora non si riesca a garantire con continuità nemmeno l’h12. Lo dico da cittadino, da operatore sanitario (Marasco è infermiere all’ospedale Jazzolino di Vibo, ndr) e soprattutto da sindaco responsabile della sanità sul territorio. Non posso essere connivente di questa situazione. Non è sufficiente che ci dicano che non ci sono medici. Asp e Regione sono tenute ad attivarsi, reperendoli anche con strumenti straordinari come revoca delle ferie o mobilità del personale». La causa è sposata anche dal gruppo di opposizione, MoviVento – attivo nelle battaglie per la sanità e promotore nel settembre 2021 di una manifestazione di protesta davanti agli uffici dell’Asp di Vibo. Gli esponenti del MoviVento condividono la decisione di sporgere denuncia, ritenendola però «tardiva» e dicendosi inoltre «pronti ad una vera mobilitazione che, per una volta, ci veda uniti, insieme ai nostri cittadini, al fine di ottenere il diritto di stare male».

Le battaglie per h24 e 118

Al momento l’obiettivo immediato è che non ci si ritrovi più con interi turni scoperti, ma per il futuro Marasco punta più in alto: «Rivogliamo il servizio h24, ci spetta in nome di quell’accordo fatto tredici anni fa con il Comune di Limbadi. Chiediamo all’Asp una riorganizzazione complessiva delle postazioni di Guardia medica, lotteremo per questo». Altra battaglia che il sindaco dice di voler portare avanti fino in fondo è quella per ottenere una postazione fissa del 118 a Nicotera. «Il nostro è tra i territori più penalizzati della provincia, per via della lontananza dai due ospedali di Vibo e Tropea. Un’ambulanza ci mette minimo trentacinque minuti ad arrivare, di notte e se non trova problemi per strada. Stare senza un servizio di Guardia medica h24 e senza una postazione 118 è inaccettabile», chiosa Marasco.  

LEGGI ANCHE: Nicotera, servizio di Guardia medica: il sindaco annuncia querela contro Asp e Regione

Guardia medica a Vibo Marina, la Pro loco: «Continui disservizi e cittadini esasperati»

Caroniti, Guardia medica riaperta e trasferita nei nuovi locali

Articoli correlati

top