lunedì,Maggio 20 2024

Ancora disservizi a Nicotera tra Guardia medica chiusa e 118 che non arriva, il sindaco: «Ora basta»

Un altro weekend con la postazione di continuità assistenziale chiusa. Questa mattina grave malore per una giovane donna che è stata trasportata in ospedale in auto perché l'ambulanza tardava. Il primo cittadino presenta la terza denuncia in Procura e chiede un incontro al prefetto

Ancora disservizi a Nicotera tra Guardia medica chiusa e 118 che non arriva, il sindaco: «Ora basta»
Una delle principali vie di Nicotera
Giuseppe Marasco

Guardia medica nuovamente chiusa per tutto il weekend, le postazioni del 118 e gli ospedali più vicini – Vibo Valentia e Tropea – distanti quasi trenta chilometri. A Nicotera ormai sentirsi male, soprattutto di sabato o di domenica, può rivelarsi molto pericoloso. I disservizi della locale postazione di continuità assistenziale stanno ormai diventando abitudine e poter avere soccorso tempestivamente sembra quasi una chimera. «Nel giro di una settimana nel nostro territorio si sono verificati due episodi gravissimi», denuncia il sindaco Giuseppe Marasco. L’ultimo è accaduto questa mattina: «Una nostra giovane concittadina ha avuto un grave malore e ci si è ritrovati a non riuscire a rintracciare un medico in loco né ad ottenere assistenza immediata dal 118, in quanto nessuna ambulanza era in quel momento disponibile. La donna è stata soccorsa da un infermiere del posto e poi caricata su un’automobile per il trasporto in ospedale. Solo all’altezza di Monte Poro è arrivato il 118, la giovane è stata così trasferita sull’ambulanza e portata allo Jazzolino». [Continua in basso]

Altra denuncia per la Guardia medica

L’avviso sulla porta della Guardia medica

Secondo il primo cittadino è il momento di dire basta, la misura è ormai colma e l’intera comunità di Nicotera – e della vicina Limbadi, con cui condivide la Guardia medica e i disservizi in ambito sanitario – è stanca. La postazione di continuità assistenziale allocata in via Filippella, nei locali dell’ospedale, per il secondo weekend consecutivo resta chiusa. Niente assistenza per un bacino d’utenza di quasi diecimila persone da questa mattina fino alle 20 di domani sera, come recita il solito cartello d’avviso apposto sulla porta della Guardia medica. Di fronte a tutto ciò, in sindaco Marasco questa mattina ha presentato in Procura un’altra denuncia per interruzione di pubblico servizio, la terza. E annuncia che lunedì chiederà un incontro al prefetto di Vibo Valentia per informarlo della situazione.

La necessità di avere una postazione del 118

Non solo la Guardia medica, altra questione su cui la comunità di Nicotera spinge da tempo è quella del 118. Nelle scorse settimana è nata anche un’associazione – “Difesa di diritti del territorio” – che chiede l’immediata istituzione di una postazione del 118 a Nicotera. Nell’ultima settimana, dicevamo, un altro episodio oltre a quello di stamattina ha reso ancor più evidente la necessità di avere un’ambulanza in loco per far fronte alle emergenze-urgenze senza aspettare interminabili mezz’ore o più in attesa di mezzi in arrivo – quando ci sono – da Tropea o Vibo. «Un uomo domenica scorsa, in seguito a un malore, è morto mentre raggiungeva l’ospedale di Vibo a bordo di un’auto privata. Questi episodi – chiosa il sindaco – non devono accadere più».

LEGGI ANCHE: Nuovo ospedale di Vibo: Occhiuto annuncia la consegna dei lavori

Da Nicotera a Vibo cittadini e associazioni in campo per rivendicare il diritto alla salute – Video

Ospedale di Tropea, la protesta dei cittadini: «Potrebbe dare sollievo a Vibo e invece è una scatola vuota»

Articoli correlati

top