martedì,Febbraio 27 2024

Sciopero treni: i ferrovieri si fermano dopo l’incidente in Calabria

Giovedì nero per chi viaggia. La mobilitazione dopo la tragedia a Corigliano-Rossano dove un treno regionale si è schiantato contro un camion. Due i morti

Sciopero treni: i ferrovieri si fermano dopo l’incidente in Calabria

Giovedì nero per pendolari e per tutti coloro che dovranno viaggiare in treno. Scatterà, infatti, un black out totale di otto ore nel trasporto ferroviario da Nord a Sud della Penisola dopo che i sindacati confederali hanno proclamato una mobilitazione dalle 9 alle 17 di “tutto il gruppo Fs e di tutte le imprese ferroviarie”, incluso Italo, in seguito all’incidente di Corigliano-Rossano, in Calabria, dove un treno regionale ha travolto un camion ad un passaggio a livello, provocando la morte dei due conducenti: il capotreno e l’autista del camion. I sindacati di base si sono spinti anche oltre, annunciando uno sciopero di 24 ore per tutto il settore. Il Garante “pur riconoscendo le ragioni della protesta” ha invitato però tutti i sindacati “a contenere” l’astensione “a 8 ore, dalle 9 alle 16.59”. Lo stop è arrivato senza preavviso perché proclamato in base all’articolo 2 comma 7 della Legge 146/90, secondo cui le disposizioni in tema di preavviso minimo e di indicazione della durata “non si applicano” in caso di astensione dal lavoro in difesa dell’ordine costituzionale o “di protesta per gravi eventi lesivi dell’incolumità e della sicurezza dei lavoratori,” spiegano i sindacati.

“Da anni denunciamo la pericolosità dei passaggi a livello in tutti i livelli di confronto, chiedendone la soppressione totale. Eppure, nonostante l’Agenzia nazionale per la Sicurezza ferroviaria abbia evidenziato il numero di incidenti e di vittime determinati da incidenti analoghi a quello calabrese, i passaggi a livello in Italia sono ancora migliaia”, affermano i sindacati confederali Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti, Ugl Ferrovieri, Orsa trasporti e Fast Confsal, esprimendo il proprio “cordoglio” ai familiari delle vittime. “Le istituzioni ed Rfi non si preoccupano di innalzare gli standard di sicurezza sull’infrastruttura ferroviaria”, accusano. L’Usb e le altre sigle di base attaccano, parlando di “un’altra strage di ferrovieri e lavoratori a poco tempo da quella di Brandizzo”, sottolineando che “puntualmente la scelta di non investire nella sicurezza e nell’ammodernamento della rete ferroviaria presenta il suo tragico conto”. Tornano, quindi, a chiedere di introdurre il “reato di omicidio sul lavoro”. Nell’apprendere la notizia il vicepremier e ministro dei Trasporti e delle Infrastrutture, Matteo Salvini, dopo aver chiamato l’ad di Rfi, Gianpiero Strisciuglio, ha assicurato che Rfi “investirà e metterà a gara a breve 500 milioni per sistemi di sicurezza sui passaggi a livello” anche se “la normativa non prevede su tratte come quelle altri interventi per la sicurezza”, ha detto il ministro all’assemblea della Cia-agricoltori italiani. “Non è possibile morire col semaforo rosso e con le sbarre abbassate perché c’è un autotrasportatore che si trova in mezzo”, ha scandito Salvini. Intanto sull’incidente ha aperto un’inchiesta la Procura della Repubblica di Castrovillari. È stata recuperata ed è in mano agli inquirenti la scatola nera del treno regionale. Secondo quanto emerso dai primi rilievi effettuati, non si sarebbe registrato alcun segnale di allarme e il treno avrebbe avuto così il via libera. Inoltre, il conducente del camion, con tutta probabilità, avrebbe fatto manovra all’interno dell’area del passaggio a livello a barriere chiuse, buttando giù anche un pezzo di muro di contenimento. “Sono rimasto estremamente colpito dal drammatico incidente ferroviario. Immagini sconvolgenti, fuoco, morti e feriti”, ha detto il presidente della Regione Calabria, Roberto Occhiuto, esprimendo il “sincero cordoglio” della Regione Calabria alle famiglie delle due vittime.

LEGGI ANCHE: Grave incidente ferroviario a Corigliano Rossano: due morti e una decina di feriti

Ecosistema urbano: Vibo perde in un anno 49 posizioni nella classifica delle città green

Navi da crociera a Vibo Marina tra opportunità, servizi da rivedere ed enti che devono fare la loro parte

Articoli correlati

top