“Rinascita”: nei guai la compagna di un carabiniere e un maresciallo della Finanza

La donna è stata arrestata. Informazioni al clan Mancuso in cambio di un posto di lavoro. I contatti con l’avvocato Pittelli e gli interrogatori di Mantella
La donna è stata arrestata. Informazioni al clan Mancuso in cambio di un posto di lavoro. I contatti con l’avvocato Pittelli e gli interrogatori di Mantella
Informazione pubblicitaria
Antonio Prestia

Un posto di lavoro in cambio di informazioni da girare al clan Mancuso in quanto convivente con un carabiniere. Quindi, un maresciallo della Finanza, finito anche lui fra gli indagati. L’inchiesta “Rinascita-Scott” della Dda di Catanzaro e dei carabinieri costa l’arresto, per concorso esterno in associazione mafiosa, a Francesca Collotta, 42 anni, di Polia. Per il gip nel suo caso sussiste la gravità indiziaria con “il grado di certezza richiesto in sede cautelare”. Secondo l’accusa, la donna si sarebbe recata in più circostanze nei luoghi deputati agli incontri ed ai summit del clan Mancuso, grazie all’intermediazione dell’imprenditore edile Antonio Prestia di San Calogero (pure lui arrestato). Francesco Collotta avrebbe così incontrato a più riprese anche Pasquale Gallone di Nicotera (pure lui arrestato), ritenuto fra i più stretti sodali del boss di Limbadi Luigi Mancuso, richiedendo che gli affiliati al clan si attivassero per la ricerca di un lavoro per lei. Sarebbe stato Luigi Mancuso in persona a proporre per la donna l’assunzione in una grossa azienda del Vibonese, proposito poi sfumato sino all’ottenimento di un posto di lavoro nella ditta Curello, di proprietà del figlio di Nazzareno Curello, 54 anni, di Vibo (arrestato). Successivamente, alla donna è stato consentito di realizzare il proposito di avviare una propria attività, acquisendo l’esercizio commerciale denominato “Art Café” ubicato a Vibo Valentia. In cambio, la donna avrebbe offerto la propria disponibilità a rivelare informazioni coperte da segreto carpite grazie alla relazione sentimentale intrattenuta con un carabiniere con il quale conviveva da tempo. [Continua dopo la pubblicità]

Il boss Luigi Mancuso

“Che l’accordo con la donna si fosse concluso positivamente, nei termini indicati da Luigi Mancuso emerge da un incontro – evidenzia il gip –  monitorato l’1 aprile 2017 al quale hanno partecipato Luigi Mancuso, Gaetano Molino, Pasquale Gallone, Antonio Prestia e Francesca Collotta”.

Non è però la sola “talpa” di cui avrebbero goduto i clan. Indagato a piede libero per concorso esterno in associazione mafiosa è infatti anche Michele Marinaro, 51 anni, di Girifalco. Maresciallo della Guardia di finanza in servizio alla Dia (Direzione Investigativa antimafia) di Catanzaro e successivamente alle dipendenze della Presidenza del Consiglio dei ministri a Roma, secondo l’accusa avrebbe fornito in modo sistematico ai vertici dei clan – per il tramite dell’avvocato Giancarlo Pittelli (arrestato) – notizie sulle attività investigative in atto nei confronti degli esponenti della ‘ndrangheta vibonese.

Andrea Mantella

Marinaro è quindi accusato di aver commesso anche “specifiche rivelazioni del segreto d’ufficio ovvero raccolto, indebitamente e fuori verbale, informazioni dai collaboratori di giustizia, la cui escussione gli era stata delegata dall’autorità giudiziaria, in maniera esorbitante rispetto alla delega ricevuta ed al contesto investigativo in cui era stata conferita”.

Il 21 giugno scorso è stato il collaboratore Andrea Mantella a riferire che l’interrogatorio del 14 dicembre 2016 era stato condotto da due ufficiali della Guardia di Finanza di cui ha fornito la descrizione fisica spiegando che gli stessi ufficiali hanno continuato a fargli domande anche successivamente alla conclusione dell’atto, relativamente a vari soggetti, tra cui giudici, avvocati e imprenditori, alcuni dei quali oggetto di dichiarazioni del collaboratore il 31 agosto 2016 mentre altri il collaboratore non li aveva mai menzionati nelle sue dichiarazioni. Per il maresciallo, in ogni caso, il gip non ha ravvisato allo stato la gravità indiziaria e da qui la mancanza di misure cautelari nei suoi confronti.

LEGGI ANCHE: Rinascita-Scott: latitante vibonese si consegna in carcere

Inchiesta “Rinascita”: un locale di ‘ndrangheta nel carcere di Vibo

‘Ndrangheta, operazione Rinascita: tutti i nomi dei 416 indagati

“Rinascita”: il Riesame annulla tre ordinanze di custodia cautelare

“Rinascita”: Giuseppe Mangone ed i legami politici a Mileto

‘Ndrangheta, operazione Rinascita: tutti i nomi dei 416 indagati

“Rinascita”: lo sconto al ristorante per gli sposi in elicottero di Nicotera

‘Ndrangheta: una nuova testimone di giustizia “inchioda” il clan di Zungri

Ndrangheta, operazione Rinascita: tutti i nomi dei 416 indagati

Operazione “Rinascita”: le mani dei clan sul 501 Hotel di Vibo

“Rinascita”: il “Sistema Vibo” nel patto fra clan, massoneria e malaffare

Polizia Municipale a Vibo e “mazzette”, la figura del comandante Nesci – Video

“Rinascita”: i legami fra il Comune di Zungri ed il clan Accorinti

Rinascita: le infiltrazioni dei clan sul Comune di Vibo

“Rinascita”: i lavori pubblici a Vibo “manovrati” da Giamborino ed Adamo

“Rinascita”: fra gli arrestati per mafia anche l’ex sindaco di Nicotera

‘Ndrangheta: “Rinascita”, il clan Mancuso e gli imprenditori arrestati

Ndrangheta e arresti: sospesi sindaco di Pizzo e consigliere di Vibo 

Corruzione: tutte le accuse al comandante dei vigili di Vibo Filippo Nesci

‘Ndrangheta, il locale di Vibo e le tre ‘ndrine che si dividono la città

L’inchiesta Rinascita e il Comune di Pizzo, ecco tutte le accuse

Operazione Rinascita, veterinaria dirigente Asp di Vibo fra gli arrestati

“Rinascita”: tre gli impiegati del Tribunale di Vibo indagati

“Rinascita”: arrestato anche il collaboratore vibonese Giuseppe Scriva