“Rinascita”: il negozio degli Artusa a Vibo e la locazione estorta

Le “manovre” dei due fratelli per riaprire l’attività commerciale. Vittima anche l’ex comandante dei vigili Corigliano. I ruoli del gioielliere Tedeschi, di Giamborino, Ferrante e Razionale all’ombra di Luigi Mancuso
Le “manovre” dei due fratelli per riaprire l’attività commerciale. Vittima anche l’ex comandante dei vigili Corigliano. I ruoli del gioielliere Tedeschi, di Giamborino, Ferrante e Razionale all’ombra di Luigi Mancuso
Informazione pubblicitaria
Corso Vittorio Emanuele III a Vibo
Informazione pubblicitaria
I fratelli Mario e Maurizio Artusa (arrestati)

Fa luce anche sui tentativi di estorsione (in alcuni casi consumata) che sarebbero stati messi in atto dai fratelli Artusa per riottenere la locazione degli immobili dove hanno sede le loro attività commerciali, l’operazione “Rinascita-Scott” della Dda di Catanzaro e dei carabinieri. La prima ipotesi delittuosa contestata vede indagati per estorsione i vibonesi Maurizio Artusa, 52 anni, Mario Artusa, 54 anni, Gianfranco Ferrante, 56 anni, Emanuele La Malfa, 33 anni, di Limbadi, Vittorio Tedeschi, 77 anni, gioielliere anche lui di Vibo Valentia. Secondo l’accusa, i primi quattro avrebbero contattato il gioielliere Vittorio Tedeschi affinché si facesse latore delle loro pretese estorsive da riferire, tramite Vittorio Brancia, alla titolare dell’immobile sito a Vibo Valentia in via Vittorio Emanuele III n. 14, di proprietà della famiglia De Riso Paparo. I soggetti indagati, ed interessati alla locazione dell’immobile per le attività commerciali degli Artusa, avrebbero quindi evocato i loro collegamenti con il boss di Limbadi Luigi Mancuso, tentando di costringere Anna De Riso Paparo non solo a stipulare un contratto di locazione da lei non voluto, ma anche a subire condizione contrattuali deteriori rispetto a quelle da loro richieste (da 1.500 a mille euro) e, inoltre, peggiori rispetto a quelle offerte da altri potenziali contraenti. Il tentativo di estorsione (siamo nel novembre del 2015) non si verificava per la mancata presentazione, da parte dei fratelli Artusa, della fidejussione richiesta dai locatori.

Informazione pubblicitaria
il boss Saverio Razionale

Altra ipotesi di estorsione viene poi contestata a Mario Artusa in concorso con Francesco Iannello, 40 anni, di San Gregorio d’Ippona ed il boss Saverio Razionale. I tre avrebbero dissuaso Pasquale Trimboli dal prendere in locazione (siamo nel gennaio 2015) lo stesso immobile dei De Riso Paparo benchè le parti si fossero già messe d’accordo per la locazione.

Altra estorsione per lo stesso immobile da parte dei due Artusa e del boss di San Gregorio, Saverio Razionale, anche nei confronti di Marco Fiorillo che nell’agosto del 2016 aveva ottenuto la disponibilità dell’immobile e stava effettuando dei lavori.

Corigliano, Ferrante e i fratelli Artusa ripresi dai carabinieri

Infine, l’estorsione alla famiglia Corigliano ed in particolare all’ex comandante della polizia municipale di Vibo Valentia Domenico Corigliano. In questo caso, insieme ai due Artusa, a Gianfranco Ferrante (imprenditore del Cin Cn bar) ed a Saverio Razionale, è indagato pure Giovanni Giamborino di Piscopio. I Corigliano erano intenzionati alla vendita dell’immobile e non alla sua locazione. “I fratelli Artusa – ricostruisce la Dda – parallelamente alle trattative per rientrare in possesso dell’immobile di Lamezia Terme, sfruttavano il legame con Saverio Razionale e l’appoggio economico di Gianfranco Ferrante anche per riavere in locazione l’unità immobiliare – sempre da adibire a negozio di abbigliamento – sita a Vibo Valentia su corso Vittorio Emanuele III nr. 31/33, anch’essa un tempo riconducibile alla società A S.r.l. In data 30 ottobre 2014 veniva avviata la procedura fallimentare della predetta società con procedimento del Tribunale di Vibo Valentia – Sezione Fallimentare”. La curatela, insediatasi a seguito della procedura fallimentare, aveva preso in carico l’immobile – comprensivo di arredi – prima locato dai Corigliano agli Artusa per il loro negozio. In data 16 luglio 2015 l’immobile veniva riconsegnato ai proprietari (i Corigliano) per il tramite del loro legale.

Gianfranco Ferrante

In tale contesto, gli Artusa si mettevano a contrattare con il solo Domenico Corigliano. “Detta contrattazione veniva seguita e facilitata” da Giovanni Giamborino – spiega la Dda di Catanzaro –il quale, agendo su espresso mandato di Saverio Razionale e grazie allo storico rapporto di conoscenza che legava il proprio padre Giamborino Salvatore Giuseppe, detto Fiore, a Corigliano Domenicantonio, faceva da tramite tra le parti affinché si raggiungesse l’accordo finale, ovvero la locazione dei locali in favore degli Artusa. Lo stesso Giovanni Giamborino, d’altro canto, in più occasioni faceva chiaramente intendere che la sua opera di intermediazione non era tanto dettata dal rapporto che lo legava ai fratelli Artusa, ma conseguenza dell’esplicito “mandato” ricevuto da Saverio Razionale e dellagaranzia economica fornita da Gianfranco Ferrante, che, ancora una volta, fungeva da “cassiere” per gli investimenti delle cosche Mancuso e Razionale-Gasparro”.

il boss Luigi Mancuso

La “spendita” del nome di Saverio Razionale “costituisce quella carica intimidatoria utilizzata per vincere le iniziali resistenze del Corigliano che non intendeva più locare l’immobile agli Artusa, quanto, piuttosto, venderlo per ottenere una maggiore liquidità da dividere con gli altri fratelli/comproprietari”.

L’intervento di Saverio Razionale – attraverso Giamborino e Ferrante – avrebbe quindi costretto Domenicantonio Corigliano, non solo a cedere nuovamente in affitto il locale agli Artusa (diversi gli incontri fra Corigliano e Giamborino), pur conoscendoli come “cattivi pagatori”, ma a farlo alle condizioni più favorevoli per questi ultimi, a discapito degli interessi personali e dei propri familiari, comproprietari dell’immobile in questione.

In tale circostanza, il boss di Limbadi Luigi Mancuso non si sarebbe mai esposto direttamente in favore degli Artusa, “lasciando tuttavia che se ne occupassero direttamente gli altri affiliati, ovvero Giovanni Giamborino – come mediatore – Gianfranco Ferrante – per la parte economica – e Saverio Razionale , per l’aspetto più marcatamente intimidatorio, confermando ancora una volta il suo ruolo di vertice rispetto agli assetti criminali locali”.

LEGGI ANCHE: “Rinascita-Scott”: l’assessore del Comune di Ionadi ed il clan Lo Bianco

Delitto Piccione, le rivelazioni di Mantella su un mistero lungo 27 anni – Video

“Rinascita-Scott”: Giamborino e le minacce al neurologo Consoli

‘Ndrangheta: le estorsioni a Vibo ed il delfino morto per Patania

“Rinascita”: le accuse di Mantella agli imprenditori Restuccia

Clan e politica a Pizzo: i legami fra Gianluca Callipo e Pino Evalto

“Rinascita”: nei guai la compagna di un carabiniere e un maresciallo della Finanza

Inchiesta “Rinascita”: un locale di ‘ndrangheta nel carcere di Vibo

‘Ndrangheta, operazione Rinascita: tutti i nomi dei 416 indagati

“Rinascita”: il Riesame annulla tre ordinanze di custodia cautelare

“Rinascita”: Giuseppe Mangone ed i legami politici a Mileto

“Rinascita”: lo sconto al ristorante per gli sposi in elicottero di Nicotera

‘Ndrangheta: una nuova testimone di giustizia “inchioda” il clan di Zungri

Operazione “Rinascita”: le mani dei clan sul 501 Hotel di Vibo

“Rinascita”: il “Sistema Vibo” nel patto fra clan, massoneria e malaffare

Polizia Municipale a Vibo e “mazzette”, la figura del comandante Nesci – Video

“Rinascita”: i legami fra il Comune di Zungri ed il clan Accorinti

Rinascita: le infiltrazioni dei clan sul Comune di Vibo

“Rinascita”: i lavori pubblici a Vibo “manovrati” da Giamborino ed Adamo

“Rinascita”: fra gli arrestati per mafia anche l’ex sindaco di Nicotera

‘Ndrangheta: “Rinascita”, il clan Mancuso e gli imprenditori arrestati

Ndrangheta e arresti: sospesi sindaco di Pizzo e consigliere di Vibo 

Corruzione: tutte le accuse al comandante dei vigili di Vibo Filippo Nesci

‘Ndrangheta, il locale di Vibo e le tre ‘ndrine che si dividono la città

L’inchiesta Rinascita e il Comune di Pizzo, ecco tutte le accuse

Operazione Rinascita, veterinaria dirigente Asp di Vibo fra gli arrestati

“Rinascita”: tre gli impiegati del Tribunale di Vibo indagati

“Rinascita”: arrestato anche il collaboratore vibonese Giuseppe Scriva