“Rinascita-Scott”: sei decisioni del Riesame ed una del gip

Attenuate le misure cautelari ed in un caso annullata l’ordinanza per il reato di associazione mafiosa
Attenuate le misure cautelari ed in un caso annullata l’ordinanza per il reato di associazione mafiosa
Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Arrivano le prima pronunce del Riesame per l’operazione antimafia “Rinascita-Scott”. Il Tdl di Catanzaro ha annullato l’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di Antonino Lo Bianco, 60 anni, detto “Nino Caprina”, di Vibo Valentia, accusato del reato di associazione mafiosa e difeso dall’avvocato Ignazio Di Renzo. Dal carcere passa invece agli arresti domiciliari Alessio Patania, 22 anni, di Vibo Valentia, difeso dall’avvocato Michele Farina, su decisione del gip distrettuale. Patania è accusato di concorso in estorsione per aver costretto il titolare del negozio di abbigliamento “Babilonia jeans” a cedergli della merce ad un prezzo irrisorio.

Dal carcere ritorna in libertà Francesco Vonazzo, 25 anni, di Vibo Valentia (difeso dall’avvocato Francesco Muzzopappa). E’ accusato di una rissa avvenuta a Pizzo in via C. Colombo il 9 settembre 2018. Antonio Moscato, 22 anni, di Vibo Valentia (sempre difeso dall’avvocato Francesco Muzzopappa) lascia invece il carcere di Locri per l’obbligo di dimora a Vibo Valentia.
Il Tribunale del Riesame ha poi annullato la misura degli arresti domiciliari nei confronti di Cristian Vallone, 29 anni, di Pizzo, difeso dagli avvocati Brunella Chiarello e Pasquale Michele Contartese e di Domenico Aiello, 25 anni, di Vibo, difeso dall’avvocato Francesco Muzzopappa. Negli ultimi quattro casi sono venute meno le aggravanti mafiose.
Vallone e Aiello sono accusati di concorso in rissa. In via Salomone a Pizzo da un lato ci sarebbero stati Domenico Camillò, Luigi Federici,  Giuseppe Suriano e Domenico Aiello, tutti di Vibo, dall’altro lato Cristian Vallone, Matteo Famà, Francesco Murmora, Vincenzo Millitari.

Lascia infine i domiciliari per l’obbligo di firma quotidiano Manuele Baldo, 53 anni, di Ionadi, difeso dagli avvocati Toni Crudo e Francesco Sabatino. Manuele Baldo è accusato di turbata libertà degli incanti, aggravata dal metodo mafioso, in concorso con Antonio Curello e Orazio Lo Bianco. In particolare,secondo l’accusa, avrebbero turbato la gara d’appalto indetta dal Comune di Vibo Valentia per la prestazione dei servizi funerari e di sepoltura di sedici salme di migranti. Orazio Lo Bianco, sfruttando la forza di intimidazione “derivante dalla propria appartenenza al “locale” di ‘ndrangheta di Vibo Valentia, avrebbe impedito ad un imprenditore funerario proveniente da Pizzo, non meglio identificato, la partecipazione alla gara. Quindi avrebbe promosso e concluso un accordo collusivo tra tutti i restanti imprenditori funerari intenzionati a parteciparvi – ovvero Curello e Baldo- finalizzato alla presentazione di offerte di uguale importo (duemila euro) da partedelle diverse imprese partecipanti, al fine di garantirsi la spartizione dei servizi appaltati e dei relativi introiti.

Informazione pubblicitaria

LEGGI ANCHE: “Rinascita”: il boss Accorinti e le manifestazioni religiose di Zungri

Rinascita”: i legami fra il Comune di Zungri ed il clan Accorinti

“Rinascita”: il negozio degli Artusa a Vibo e la locazione estorta

“Rinascita-Scott”: l’assessore del Comune di Ionadi ed il clan Lo Bianco

Delitto Piccione, le rivelazioni di Mantella su un mistero lungo 27 anni – Video

“Rinascita-Scott”: Giamborino e le minacce al neurologo Consoli

‘Ndrangheta: le estorsioni a Vibo ed il delfino morto per Patania

“Rinascita”: le accuse di Mantella agli imprenditori Restuccia

Clan e politica a Pizzo: i legami fra Gianluca Callipo e Pino Evalto

“Rinascita”: nei guai la compagna di un carabiniere e un maresciallo della Finanza

Inchiesta “Rinascita”: un locale di ‘ndrangheta nel carcere di Vibo

‘Ndrangheta, operazione Rinascita: tutti i nomi dei 416 indagati

“Rinascita”: il Riesame annulla tre ordinanze di custodia cautelare

“Rinascita”: Giuseppe Mangone ed i legami politici a Mileto

“Rinascita”: lo sconto al ristorante per gli sposi in elicottero di Nicotera

‘Ndrangheta: una nuova testimone di giustizia “inchioda” il clan di Zungri

Operazione “Rinascita”: le mani dei clan sul 501 Hotel di Vibo

“Rinascita”: il “Sistema Vibo” nel patto fra clan, massoneria e malaffare

Polizia Municipale a Vibo e “mazzette”, la figura del comandante Nesci – Video

“Rinascita”: i legami fra il Comune di Zungri ed il clan Accorinti

Rinascita: le infiltrazioni dei clan sul Comune di Vibo

“Rinascita”: i lavori pubblici a Vibo “manovrati” da Giamborino ed Adamo

“Rinascita”: fra gli arrestati per mafia anche l’ex sindaco di Nicotera

‘Ndrangheta: “Rinascita”, il clan Mancuso e gli imprenditori arrestati

Ndrangheta e arresti: sospesi sindaco di Pizzo e consigliere di Vibo 

Corruzione: tutte le accuse al comandante dei vigili di Vibo Filippo Nesci

‘Ndrangheta, il locale di Vibo e le tre ‘ndrine che si dividono la città

L’inchiesta Rinascita e il Comune di Pizzo, ecco tutte le accuse

Operazione Rinascita, veterinaria dirigente Asp di Vibo fra gli arrestati

“Rinascita”: tre gli impiegati del Tribunale di Vibo indagati

“Rinascita”: arrestato anche il collaboratore vibonese Giuseppe Scriva