“Rinascita-Scott”: le accuse nei confronti di quattro imprenditori di Vibo

Fra gli indagati Mario Lo Riggio, Antonio Lopez Y Royo, Raffaele Lo Schiavo e Vittorio Tedeschi. I rapporti con gli Artusa e l’ombra dei clan
Fra gli indagati Mario Lo Riggio, Antonio Lopez Y Royo, Raffaele Lo Schiavo e Vittorio Tedeschi. I rapporti con gli Artusa e l’ombra dei clan
Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria
Gli imprenditori Mario e Maurizio Artusa (arrestati)

Figurano diversi imprenditori di Vibo Valentia fra gli indagati dell’operazione “Rinascita-Scott” condotta dalla Dda di Catanzaro e dai carabinieri. Posizioni differenti che in alcuni casi vedono gli stessi imprenditori parte lese per alcune vicende, indagate per altre. E’ il caso di Antonio Lopez Y Royo, 46 anni, di Vibo Valentia, parte lesa per la vicenda dello sconto preteso dalla “Lo Schiavo catering” in occasione del matrimonio degli sposi atterrati in elicottero a Nicotera (Antonio Gallone ed Aurora Spasari), ma anche indagato insieme agli imprenditori Mario e Maurizio Artusa, Gianfranco Ferrante ed Emma Scarpino, per il reato di turbata libertà degli incanti aggravata dalle finalità mafiose. Al fine di impedire la vendita a terzi di un’autovettura Range Rover, modello Evoque, di proprietà della società “A s.r.l.” (società dei fratelli Artusa) – dichiarata fallita dal Tribunale di Vibo Valentia con sentenza del 9 maggio 2014 – nel corso della procedura di vendita dei beni del patrimonio societario e, in particolare della suddetta autovettura, con mezzi fraudolenti avrebbero presentato a nome di Antonio Lopez Y Royo (in realtà – secondo l’accusa – mero prestanome dei fratelli Artusa) un’offerta d’acquisto pari ad 21.500,00 euro, senza avere realmente intenzione di provvedere al saldo del prezzo, ma solo al fine di evitare che altri si aggiudicassero il bene e di consentire che, successivamente, si procedesse nelle forme della trattativa privata. [Continua dopo la pubblicità]

Informazione pubblicitaria

Antonio Lopez Y Royo insieme a Mario Artusa è poi indagato anche per il reato di trasferimento fraudolento di valori per l’intestazione fittizia di tale auto (con l’aggravante mafiosa) avvenuta nel maggio del 2017, mentre altra contestazione si riferisce al reato di ricettazione (sempre aggravato dalle finalità mafiose). Al fine di procurare a Mario Artusa un profitto, Antonio Lopez Y Royo “dopo avere acquistato o, comunque, ricevuto da Ruffa Francesco l’autovettura Range Rover, modello Evoque, di illecita provenienza, a lui nota, in quanto provento della estorsione a danno di Mondella”, avrebbe sostituito la targa originariamente apposta con una nuova, ostacolando così l’identificazione della provenienza delittuosa dell’autovettura”.

Corso di Vibo Valentia

I rapporti con gli Artusa costano la contestazione del reato di turbata libertà degli incanti anche a Raffaele Lo Schiavo, 49 anni, di Vibo, commerciante nel settore dell’abbigliamento. In questo caso, nel luglio del 2016 al fine di impedire la vendita a terzi di uno stock di abbigliamento uomo/donna, di proprietà della società “A s.r.l.” degli Artusa – dichiarata fallita – nel corso della procedura di vendita di tale stock, sarebbe stata presentata a nome di Raffaele Lo Schiavo (ritenuto in realtà dagli inquirenti un mero prestanome dei fratelli Artusa) un’offerta d’acquisto pari a tremila euro, “senza avere realmente intenzione di provvedere al saldo del prezzo, ma solo al fine di evitare che altri si aggiudicassero il bene e di consentire che, successivamente, si procedesse nelle forme della trattativa privata”.

Luigi Mancuso

Fra gli indagati c’è poi Vittorio Tedeschi, 77 anni, gioielliere di Vibo Valentia. E’ indagato per concorso in tentata estorsione. Secondo l’accusa, tramite “l’avvicinamento di Vittorio Tedeschi, “amico” di Luigi Mancuso nonché di Vincenzo Brancia, gli indagati Maurizio e Mario Artusa, Gianfranco Ferrante ed Emanuele La Malfa” avrebbero tentato di convincere il Brancia a locare l’immobile di proprietà della nobildonna Anna De Riso Paparo, sito a Vibo Valentia, in via Vittorio Emanuele III, n. 14 nel quale gli Artusa avevano intenzione di allestire il proprio negozio di abbigliamento.

Paolino Lo Bianco

Associazione mafiosa (clan Razionale-Fiarè-Gasparro di San Gregorio d’Ippona e Lo Bianco-Barba di Vibo) è invece l’accusa per l’imprenditore Mario Lo Riggio, 59 anni, di Vibo (arrestato). Ad avviso del gip, Mario Lo Riggio avrebbe messo le sue imprese ed i suoi rapporti imprenditoriali e finanziari alle dirette dipendenze di Gregorio Gasparro di San Gregorio d’Ippona e dei Lo Bianco-Barba di Vibo “in modo sistematico al fine di raggiungere gli obiettivi della consorteria”, finanziando le attività di Paolino Lo Bianco, Saverio Razionale e Gregorio Gasparro, erogando prestiti. Ad accusarlo di essere stato in affari con Paolo Lo Bianco, ritenuto al vertice dell’omonimo clan, anche il pentito Andrea Mantella.

LEGGI ANCHE: “Rinascita”: il boss Accorinti e le manifestazioni religiose di Zungri

 “Rinascita”: i legami fra il Comune di Zungri ed il clan Accorinti

“Rinascita”: il negozio degli Artusa a Vibo e la locazione estorta

“Rinascita-Scott”: l’assessore del Comune di Ionadi ed il clan Lo Bianco

Delitto Piccione, le rivelazioni di Mantella su un mistero lungo 27 anni – Video

“Rinascita-Scott”: Giamborino e le minacce al neurologo Consoli

‘Ndrangheta: le estorsioni a Vibo ed il delfino morto per Patania

“Rinascita”: le accuse di Mantella agli imprenditori Restuccia

Clan e politica a Pizzo: i legami fra Gianluca Callipo e Pino Evalto

“Rinascita”: nei guai la compagna di un carabiniere e un maresciallo della Finanza

Inchiesta “Rinascita”: un locale di ‘ndrangheta nel carcere di Vibo

‘Ndrangheta, operazione Rinascita: tutti i nomi dei 416 indagati

“Rinascita”: il Riesame annulla tre ordinanze di custodia cautelare

“Rinascita”: Giuseppe Mangone ed i legami politici a Mileto

“Rinascita”: lo sconto al ristorante per gli sposi in elicottero di Nicotera

‘Ndrangheta: una nuova testimone di giustizia “inchioda” il clan di Zungri

Operazione “Rinascita”: le mani dei clan sul 501 Hotel di Vibo

“Rinascita”: il “Sistema Vibo” nel patto fra clan, massoneria e malaffare

Polizia Municipale a Vibo e “mazzette”, la figura del comandante Nesci – Video

“Rinascita”: i legami fra il Comune di Zungri ed il clan Accorinti

Rinascita: le infiltrazioni dei clan sul Comune di Vibo

“Rinascita”: i lavori pubblici a Vibo “manovrati” da Giamborino ed Adamo

“Rinascita”: fra gli arrestati per mafia anche l’ex sindaco di Nicotera

‘Ndrangheta: “Rinascita”, il clan Mancuso e gli imprenditori arrestati

Ndrangheta e arresti: sospesi sindaco di Pizzo e consigliere di Vibo 

Corruzione: tutte le accuse al comandante dei vigili di Vibo Filippo Nesci

‘Ndrangheta, il locale di Vibo e le tre ‘ndrine che si dividono la città

L’inchiesta Rinascita e il Comune di Pizzo, ecco tutte le accuse

Operazione Rinascita, veterinaria dirigente Asp di Vibo fra gli arrestati

“Rinascita”: tre gli impiegati del Tribunale di Vibo indagati

“Rinascita”: arrestato anche il collaboratore vibonese Giuseppe Scriva